Cosa fare a Roma se non sei scrauso: STONED HAND OF DOOM FESTIVAL 2009 by Eccellenza Sir Crom

Non c’avremo il Roadburn ma in questa città che non rockeggia per niente ogni anno accade un mini-miracolo ovvero uno dei più grandi festival di Doom e heavy psych, stoner rock o come lo volete chiamare, d’Europa: lo Stoned Hand of Doom o SHOD per gli amici. Eh si, e quest’anno stiamo alla quinta edizione.

Negli anni han suonato praticamente tutti i gruppi del panorama italiano e ogni anno sempre più band straniere di livello altissimo, dai Witchcraft agli Orange Goblin passando per i Dead Meadow.

Quest anno il festival dura una settimana tonda (!) i primi sei giorni al Sinister Noise e la serata conclusiva all’Init.

Headliners di questa edizione gli storici inglesi Heads e i belgi doomster Serpentcult ma io vi caldeggio nella stessa serata gli spaziali e psichedelicissimi White Hills e vi segnalo il concerto-performance dei locals progster Ira del Baccano che prenderà la serata del 14 tutta per se con musica e installazioni video.

Durante le giornate del festival ci saranno mostre e proiezioni sotto l’egida dell’ happy hour. Ingressi a prezzi più che amichevoli e bella gente crinuta. Ma che voi de più?

Tra l’altro praticamente in contemporanea ci sarà Dissonanze, festival di fichetti elettronici presuntuosi che con il benestare del comune di Roma è ormai un festival  gigantesco, a dimostrazione che qua sappiamo solo ballare musica discutibile e ci sentiamo pure fichi.

Dissonanze decisamente non piace a Satana e Robert Johnson non ci si prenderebbe manco uno shottino li, quindi se siete gente che rockeggia dimostrate il vostro dissenso verso questa manifestazione partecipando in massa allo Stoned Hand of Doom.

Be there or be scrauso.

Ecco il programma, godi popolo:

– DOMENICA 10 MAGGIO
SHOD “WARM UP”
w/
DOOMRAISER (ITA)
GANDHI’S GUNN (ITA)
SOUTHBORN (ITA)

open ore 18:00 – happy hour dalle 18:00 alle 02:00 – live ore 22:00 – ingresso: 7 euro
ore 20:00 “Reazione a Catena – Ecologia del Delitto” (Mario Bava, film 1971, 87‘)
NEUROT NIGHT dj set

@ Sinister Noise Club – Via dei Magazzini Generali 4b – Roma

– LUNEDI’ 11 MAGGIO
THE MARCH TOWARDS THE SHOD
w/
inaugurazione esposizione WELT e MARCELLO RISEABOVE, i due artisti che hanno creato i poster e la t-shirt del festival

open ore 19:00 – happy hour dalle 18:00 alle 02:00 – ingresso gratuito
ore 20:00 “The Wizard of Gore” (Herschell Gordon Lewis, film 1970, 95‘)
dj set

@ Sinister Noise Club – Via dei Magazzini Generali 4b – Roma

– MARTEDI’ 12 MAGGIO

THE MARCH TOWARDS THE SHOD
w/
ZIPPO (ITA)
BLACK RAINBOWS (ITA)
LOST MOON (ITA)

open ore 19:00 – happy hour fino alle 22:00 – live ore 22:00 – ingresso: 5 euro
ore 20:00 “Carnival of Souls” (Herk Harvey, film 1962, 78‘)
dj set

@ Sinister Noise Club – Via dei Magazzini Generali 4b – Roma

– MERCOLEDI’ 13 MAGGIO
THE MARCH TOWARDS THE SHOD
w/
CHEER-ACCIDENT (USA)
+ more bands

open ore 19:00 – happy hour fino alle 22:00 – live ore 22:00 – ingresso: 7 euro
ore 20:00 “Koroshi no Rakuin (La Farfalla sul Mirino)” (Suzuki Seijun, film 1967, 98‘)
dj set

@ Sinister Noise Club – Via dei Magazzini Generali 4b – Roma

– GIOVEDI’ 14 MAGGIO
THE MARCH TOWARDS THE SHOD
w/
L’IRA DEL BACCANO (ITA)
(special visual show)

open ore 19:00 – happy hour fino alle 22:00 – live ore 22:00 – ingresso: 5 euro
ore 20:00 “The Trip (Il Serpente di Fuoco)” (Roger Corman, film 1967, 85‘)
dj set

@ Sinister Noise Club – Via dei Magazzini Generali 4b – Roma

– VENERDI’ 15 MAGGIO
SHOD Opening Party
w/
RADIO MOSCOW (USA)
BLACK LAND (ITA)
SKYWISE (ITA)
MISTY MORNING (ITA)

open ore 19:00 – happy hour fino alle 22:00 – live ore 21:30 – ingresso: 7 euro
ore 20:00 “Bubba Ho-Tep” (Don Coscarelli, film 2002, 92’)
dj set

@ Sinister Noise Club – Via dei Magazzini Generali 4b – Roma

– SABATO 16 MAGGIO
STONED HAND OF DOOM
Italian Doom & Heavy Psych Fest
– Chapter 5
w/
THE HEADS (UK)
SERPENT CULT (BEL)
WITCHFIELD (ITA) featuring Thomas Hand Chaste
WHITE HILLS (USA)
OBIAT (UK)
GODWATT REDEMPTION (ITA)
SESTA MARCONI (ITA)
+ more bands

open ore 16:00 – live ore 16:30 – ingresso: 15 euro

@ Init Club – Via della Stazione Tuscolana – Roma

Eccellenza Sir Crom

LINKS CORRELATI
www.myspace.com/stonedhandofdoomfest
www.myspace.com/sinisternoiseclub



Samsara Blues Experiment – L’Ira del Baccano by Eccellenza Sir Crom

18 Gennaio 2009
Traffic li
ve club, RomaL'Ira del Baccano

Primo concerto del 2009 per il sottoscritto, e inizio abbastanza alla grande direi.
Si, perchè L’Ira del Baccano è una delle mie band preferite in città ed è, secondo me, come dicono gli americani: il  “Rome’s best kept secret”, il segreto meglio nascosto di Roma.
Se fossero chessò svedesi o statunitensi sarebbero un gruppo cool da tenere sott’occhio o da nominare di tanto in tanto per fare i fighi e ai loro concerti ci sarebbero pure quelli che leggono Blow Up e le ragazze che fanno le foto con la Lomo, come ho visto ai Boris e agli Earth… Invece sono di Roma, anzi dei Castelli per essere precisi, e qua li si conosce e segue assai poco… Ed è un peccato davvero perchè loro suonano un hard rock strumentale fatto di pezzi lunghi e complessi, potente, mai noioso o segaiolo che meriterebbe maggiore considerazione.

Suonano come un Ummagumma rifatto dagli Hawkwind, con  delle sfuriate hard tanto improvvise quanto pesanti a ricordarti che da qualche parte, tra galassie e deserti, c’è anche un satanasso. Giusto in una città di scarsi  come questa un gruppo così non viene filato più di tanto… Vergogna, un gruppo con dei capelli così lunghi quantomeno merita di più!

Premesso ciò, L’Ira del Baccano ha suonato come sempre bene, tecnicamente impeccabili si, ma questo è secondario: un set articolato, senza tempi morti, intenso e accorato, mai noioso anche nelle parti più dilatate e lunghe.
Le teste capellute, la mia in primis, ondeggiano rapite. Il mio compare Lolli è attonito e non parla.
Finito il concerto sono talmente stordito dalla potenza della chiusura in crescendo,  che ci metto qualche secondo a capire che è concluso lo show e devo applaudire. Corna su, convintissime.

I tedeschi Samsara Blues Experiment invece suonano un stoner decisamente più di maniera, dai riff monolitici ma con uno sguardo anche alla psichedelia e al doom carico di atmosfera dei primissimi Pentagram, soprattutto nel cantato.Alcuni pezzi decisamente troppo monotoni rovinano un po’ l’esibizione che però si riprende sul finale con una lunghissima session di psichedelia ossessiva e pesante. Il basso presentissimo spinge i brani di molto e mi fa battere il piede. Buona band, sicuramente penalizzata dall’apertura nettamente superiore dei locals Ira del Baccano ma che regala una bella serata di quel tipo di musica che capita di rado da queste parti, ahimè.

Lolli chiude la serata definendola “molto forte” nonostante gli si sia rovesciata in terra la sua unica birra il che, conoscendolo, vale più di mille parole.

La prossima volta saprò anche fare delle foto decorose amici!

Eccellenza Sir Crom

LINKS CORRELATI

www.myspace.com/iradelbaccano

Vi consiglio di andare anhce sul lorowww.myspace.com/samsarablues